doppia_fungo_neve

Corda doppia su fungo di ghiaccio

Estate, tempo di falesia in montagna, vie lunghe, ferrate e per chi è alla ricerca di fresco e vuole salire di quota, vie alpinistiche in ghiacciaio.

Se vi trovate su ghiacciaio e avete l’esigenza di ritirarvi, abbandonare la via, calarvi, ma non avete la possibilità di utilizzare ancoraggi su roccia o altro materiale da abbandono, potrete calarvi sfruttando il ghiaccio vivo e predisponendo la doppia sul fatidico “fungo di ghiaccio”:

  • Si scava con la piccozza un fungo di neve a forma di “goccia”, predisponendo il passaggio delle corde doppie nel tratto più stretto. Nel caso di ghiaccio solido è sufficiente una goccia di 80cm di diametro e una corsia profonda almeno 20cm, nel caso di ghiaccio non solido/neve dura, si deve aumentare il diametro del fungo e la profondità dello scavo.
  • Posizionare la corda sulla sommità della goccia ed inserire una giacca, un indumento, tra la corda e il ghiaccio per evitare che la corda a contatto con ghiaccio/acqua ghiacciata, si ghiacci a sua volta e non si riesca più a recuperare, ed anche per evitare che la corda tagli il ghiaccio.
  • Legare la giacca alla corda così da recuperarla al termine della calata.
  • Per fare in modo che la corda stia stabilmente all’interno dell’incavo, realizzare un’asola ed infilare un moschettone che tenga ravvicinati i due rami di corda, recuperare poi la corda dal lato dove si è realizzata l’asola.
  • Calarsi.

fungo di ghiaccio

Questa è una tecnica di alpinismo tradizionale, consolidata e tuttora utilizzata, per applicarla in sicurezza però è indispensabile aver acquisito una formazione specifica sulle tecniche e sulla capacità di valutare la condizione del manto nevoso. Prima di riprodurle in autonomia, verificate con un professionista la vostra capacità di effettuarle in modo sicuro.

 

Climb safe